Netflix multa in arrivo? Fake news, vi spieghiamo perché

Netflix-multa-possibilità-fake

Netflix multa per chi condivide le password? Niente di più falso, a riportarlo è stato il portale DDay.it (Corriere della Sera) che ha analizzato la questione della possibilità che il colosso dello streaming online andasse a multare chi condivide con altri il proprio abbonamento.

Netflix multa possibile? No, niente affatto

Durante il CES di Las Vegas, uno degli appuntamenti più attesi dagli addetti ai lavori a livello mondiale, è stata presentata da Synamedia, una società britannica, un software in grado di rilevare eventuali violazioni dell’utilizzo delle password da parte di più utenti. Che legame ci sarebbe con Netflix: NESSUNO. Ma molte testate e siti hanno riportato la notizia che rimbalzava dagli Stati Uniti della possibilità di multe e di utilizzo da parte di Netflix per arginare il fenomeno della condivisione delle password.

Ma non è così che stanno le cose: dietro a Synamedia a livello di azionisti c’è direttamente Sky, ma non solo, pay TV e broadcaster, che stanno già mettendo in uso la soluzione proposta dalla società britannica.

E Netflix? Riportiamo quando scritto anche da DDay.it per completezza: “Netflix non ha nulla a che vedere con tutto questo, anche perché l’azienda, se volesse, potrebbe fare esattamente quello che va Synamedia senza acquistare alcun servizio. Di ogni persona che accede a Netflix l’azienda conosce tutto, come dimostra il log consultabile da ogni utente: non ci vuole chissà quale intelligenza artificiale per capire se un account viene usato da più persone.”

Dunque, riassumendo: tanto rumore per nulla.

Non perdere altro tempo, vuoi sapere come risparmiare in modo legale su Netflix?

Leggi il nostro articolo che ti spiega passo passo come condividere Netflix Premium.

Oppure se già sai come funziona….

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *